Chi siamo

giochi di legno per feste di compleanno

GIOCHI DI LEGNO E GIOCHI TRADIZIONALI PER
FESTE DI COMPLEANNO E DI PIAZZA


I Giochi di legno e i giochi tradizionali hanno un fascino particolare. Mi chiamo Pamio Lodovico e non sono falegname. Credo di essere un “ludologo”, perché  amo moltissimo giocare e credo fermamente che il gioco sia il modo più semplice e più efficace per relazionarsi con gli altri. Da qui nasce la mia passione per i giochi di legno e tradizionali. Tutto ebbe inizio alla scuola Steineriana frequentata da mio figlio Simone. Durante la festa di Primavera e il Bazar di Natale iniziai a proporre dei giochi tradizionali di legno. Il successo è stato travolgente e i bambini si divertivano moltissimo.

Allora iniziai a costruire alcuni giochi di legno tradizionali, copiandoli o inventandoli. Non essendo io falegname all’inizio incontrai non poche difficoltà, ma la passione mi spingeva a continuare. Ho costruito parecchi giochi di legno più o meno bene. Ho cercato di privilegiare la funzionalità, piuttosto che l’estetica. I giochi che ho costruito sono sicuri e funzionanti.

A questo punto la ricerca di nuovi giochi di legno tradizionali divenne una passione irrefrenabile. Scoprii un sacco di giochi che la maggior parte delle persone non aveva mai visto prima. La mia ricerca poi si estese a tutti i paesi europei e successivamente al mondo intero.

Il gioco in ogni parte del pianeta è la prima forma di relazione con l’altro. Platone sosteneva: “che si può capire di più su una persona in un ora di gioco che in un anno di conversazione”.
Il gioco non ha confini, il gioco unisce, il gioco è multirazziale, il gioco è anche terapeutico. Lao Tsu pensava: “che il gioco è la medicina più grande”.

Il gioco non ha età. George Bernard Shaw diceva: “che non si smette di giocare perché si diventa vecchi, ma si diventa vecchi perché si smette di giocare”.

Durante la mia ricerca ho riscoperto la semplicità e la bellezza di giochi dimenticati, che ancora divertono i nonni, i figli, ma anche i nipoti. Credo che nell’era di internet e dei giochi elettronici, offrire anche unalternativa sia più che opportuno. Dalla mia esperienza, i giochi tradizionali appassionano e coinvolgono i bambini che, per alcune ore, abbandonano il loro telefonino e si divertono, con semplicità e interagendo tra loro. Infatti quasi tutti i giochi che propongo hanno la necessità di avere almeno un compagno con il quale giocare.
E ora bando alla ciance e andiamo a giocare. Perché giocare è una cosa seria.